>

Astronotus ocellatus - pesce oscar - Pesci acqua dolce e salata d'acquario - descrizione, diffusione, alimentazione, riproduzione

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

ACQUA DOLCE
  
AFRICA - AUSTRALIA

AMERICA - ASIA

ACQUA DOLCE - SUD AMERICA

 

Astronotus ocellatus ( pesce oscar )  

Cenni generali : Astronotus ocellatus ha il corpo relativamente alto e leggermente schiacciato lungo i fianchi ; la bocca , in posizione terminale , è di grosse dimensioni e ha labbra carnose ; le pinne , sono tutte molto sviluppate e , quella dorsale e quella anale , sono particolarmente grandi . La colorazione cambia in base all'età , illuminazione , stati d'animo del pesce : in esemplari giovani , con dimensioni inferiori a lunghezze di 10 cm. , la base è giallastra con grosse macchie color marrone-oliva , che formano un disegno irregolare . Negli esemplari piu' grandi , la colorazione passa ad un marrone quasi uniforme , con pinne trasparenti con sfumature marroni . Non di rado , rimangono , anche in esemplari adulti , macchie di colore giallastro di forma irregolare . In natura , questi pesci raggiungono i 30 cm. di lunghezza , mentre, in acquario , si fermano , generalmente , a misura attorno a i 20 cm. . La vasca per il loro allevamento non dovrebbe avere dimensioni inferiori a 150 litri di volume e le zone che questi pesci preferiscono occupare , sono quelle centrali e quelle del fondo .

Diffusione :si trova nel sud America , nella regione amazzonica , principalmente nel bacino fluviale del Rio Negro

Alimentazione :Astronotus ocellatus è una specie carnivora ; gli esemplari di piccole dimensioni possono essere nutriti con larve di zanzara , Tubifex , piccoli pezzi di carne magra ; esemplari piu' grandi con pezzi di carne di adeguate dimensioni e mangimi in pastiglie .

Riproduzione : allevando un gruppo di Oscar, raggiunta la dimensione di 12 cm. circa , incominciano a formarsi delle coppie . In una vasca di 200 litri circa , con materiale di fondo fine , qualche ciotolo sopra il quale verranno deposte le uova e rocce per formare rifugi , la nostra coppia inizierà , dopo intensi giochi amorosi , a depporre le uova sopra uno dei ciotoli preventivamente puliti , arrivando , in base alle dimensioni della femmina , anche a 2000 . La schiusa delle uova avviene in un periodo che passa da 2 a 5 giorni , durante i quali , i riproduttori le sorvegliano costantemente . Le larve vengono spostate in buche preventivamente preparate dalle quali escono dopo una settimana circa . Da questo momento , gli avannotti , possono essere alimentati con naupli di Artemia . Le cure parentali durano ancora per un periodo di 10-20 giorni . Visto il numero consistente di esemplari e la quantità di cipo somministrato , regolari cambi parziali di acqua evitano l'insorgere di malattie , causate dall'inquinamento dell'acqua .

Habitat in acquario : la vasca di allevamento di Astronotus ocellatus , dovrebbe avere materiale di fondo grossolano , piante robuste e qualche nascondiglio formato da rocce . Un potente filtraggio evita l'accumulo di sonstanze organiche che potrebbero favorire l'inquinamento dell'acqua . Illuminazione non particolarmente intensa . Esemplari sino a 10-12 cm. di lunghezza possono essere allevati assieme ad altri pesci robusti di dimensioni simili ; oltre , queste misure , è preferibile allevarli in vasche dedicate solamente a loro o in vasche di maggiori dimensioni .

Dimorfismo sessuale :

Chimica dell'acqua :

Possibili abbinamenti : Astronotus ocellatus , che in acquariooccupale zone centrali e quelle vicino al fondo ,, potrebbe essere allevato assieme ad Ancistrus dolichopterus , che rimane nella zona del fondo ed a Osteoglossum bicirrhosum che , invece , resta nella zona di superficie.

 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu